Cadute anziani: un bracciale può salvarli

Il bracciale smart Seremy rileva automaticamente le cadute ed invia immediatamente un allarme allo smartphone dei famigliari, anche se la persona non riesce più a muoversi
seremy-salvavita-cadute

Uno dei problemi più diffusi tra le persone anziane sono le cadute anziani, che generano tassi di mortalità elevati, ma soprattutto portano a conseguenze che limitano la mobilità e portano all’ingresso prematuro nelle residenze assistite. Quali sono le conseguenze di una caduta negli anziani?

Il modo in cui l’anziano cade determina le conseguenze della caduta stessa: frattura del polso o dell’anca a seconda che si cada in avanti o all’indietro, mentre una caduta sui glutei non provoca fratture, ma si rischia che la persona anziana non sia in grado di alzarsi da sola. Tra i 65 e i 75 anni sono maggiormente presenti le fratture del polso, mentre in età avanzata è molto comune la frattura dell’anca o del femore.

Tuttavia, oltre alla conseguenza fisica, il maggior problema è il fatto che l’anziano che vive solo rischia di non potersi rialzare oppure che la caduta rischia di peggiorare i problemi fisiologici legati all’età, oltre ad essere un problema di lenta guarigione. Infine, dopo la prima caduta, l’anziano rischia di cadere nuovamente o di sviluppare una sindrome ansiosa, che porta alla riduzione progressiva del movimento e ad una maggior cautela.

Il risultato? Le persone anziane soffrono di riduzione della forza muscolare e hanno una deambulazione anomala, che aumenta ulteriormente il rischio di cadere.

A questa situazione si aggiunge il problema delle cadute per gli anziani che vivono soli e non possono contare su nessuno che li possa aiutare nel momento del bisogno.

Seremy: l’angelo custode tecnologico di ogni anziano

Oggi in commercio si trovano dispositivi tecnologici come il bracciale salvavita Seremy, che aiutano l’anziano nel momento del bisogno e diventano veri e propri angeli custodi in caso di cadute in casa e fuori. Il braccialetto Seremy, infatti, non solo monitora i parametri fisici e ambientali della persona che lo indossa, ma è capace di inviare segnalazioni ai numeri preimpostati in caso di svenimento, caduta o immobilità sospetta della persona.

Come potrai sperimentare in prima persona se deciderai di regalare il bracciale alla persona anziana (genitori o parenti che vivono soli), il solo fatto di avere a disposizione un monitoraggio 24 ore su 24 assicura maggiore tranquillità ai familiari che vivono lontano, ma anche all’anziano che si sente protetto in caso di cadute in casa o fuori casa.

Se l’anziano, infatti, dovesse cadere il caregiver o il famigliare riceveranno sul loro smartphone la richiesta di SOS  inviata automaticamente dal bracciale Seremy, capace di rivelare automaticamente la caduta.

I 3 vantaggi del telesoccorso in caso di caduta dell’anziano

Dopo aver parlato del problema delle cadute nelle persone anziane, sono evidenti i vantaggi che un sistema di telesoccorso come il bracciale Seremy può offrire:

  • maggiore tranquillità per far vivere serenamente le persone che si amano;
  • semplicità di utilizzo, per poter contare su un dispositivo adeguato anche alla persona anziana, che non ha dimestichezza con le moderne tecnologie;
  • monitoraggio 24 ore su 24, giorno e notte e possibilità di inviare il segnale di SOS a più numeri preimpostati.

Un bracciale per anziani rende la persona da subito più sicura e indipendente, il tutto adottando un sistema più evoluto dei tradizionali sistemi salva vita per i seguenti motivi: non richiede una linea fissa ed una SIM telefonica, che è già integrata nel dispositivo; la persona non può dimenticarlo perché è legato saldamente al polso, anche sotto la doccia; non si scarica facilmente dato che la batteria dura anche settimane.

Cosa accade, quindi, in caso di bisogno? Il familiare o il caregiver vedranno sull’app Seremy l’ultima posizione geografica rilevata e la situazione di caduta, in modo da poter assistere la persona anziana non solo in casa, ma anche fuori.

Post Correlati